Now Reading
TRAVEL | Marocco: guida e consigli pratici per viaggiare sicuri – Parte 1

TRAVEL | Marocco: guida e consigli pratici per viaggiare sicuri – Parte 1

VIAGGIO IN MAROCCO CONSIGLI

  1. Viaggiare in Marocco è sicuro?
  2. Meglio tour fai-da-te o con guida/tour operator?
  3. Quando andare in Marocco?
  4. Quanti giorni sono necessari per visitare il Marocco?
  5. Quali sono i documenti fondamentali?
  6. E’ economico viaggiare in Marocco?
  7. Connessione dati, WiFi e prese elettriche
  8. Come spostarsi in Marocco

Se mi seguite su Instagram saprete già che lo scorso Novembre ho avuto l’opportunità di viaggiare e scoprire parte delle bellezze uniche del Marocco. Dico “parte delle” perché per esplorare in lungo e in largo questo paese meraviglioso sarebbero necessari mesi, tanto è ricco di paesaggi, città e attrazioni.

Il mio viaggio è stato organizzato da Super Tours-Maroc, un tour operator in loco (precisamente situato in Ouarzazate) che si occupa di studiare per voi dei pacchetti specifici a seconda dei giorni che avete a disposizione, dei vostri gusti e delle città che volete visitare.

Per tutta la durata del vostro viaggio avrete un driver che vi accompagnerà nei luoghi più suggestivi e alle volte nascosti del paese e per questo assolutamente degni di nota, individuando anche gli hotel più vantaggiosi per i pernottamenti e i ristoranti più validi e sicuri da un punto di vista igienico.
Vi proporrò diversi post sul mio viaggio in Marocco, così da creare una “mini guida” che spero possa tornare utile a chi di voi sta pensando di effettuare prossimamente un viaggio proprio lì! In questo primo post parleremo di alcuni consigli “tenici” e burocratici e sfateremo alcuni miti purtroppo diffusi che spesso inibiscono la volontà di molti di prenotare una vacanza in questo paese.
Concluderemo poi con un piccolo approfondimento sulla città di Marrakech, che ho amato follemente.
viaggio marocco consigli

Viaggiare in Marocco è sicuro?

Questa è senza ombra di dubbio la domanda che più spesso mi è stata rivolta e che ammetto essermi fatta anche io prima di decidere di partire.
La risposta è: .
Il Marocco è un paese sicuro e non c’è stato un solo giorno in cui io abbia avvertito una sensazione di pericolo o di timore.
Essendo un paese musulmano, molte persone – complici anche e soprattutto i media – hanno forti pregiudizi ed è un vero peccato in quanto il popolo marocchino è un popolo gentile, allegro, incredibilmente socievole e simpatico.
In ogni caso però, sconsiglierei (come d’altronde lo farei per qualsiasi altra città che non si conosce) di avventurarsi in strade isolate o uscire troppo tardi. Usare il buon senso è sempre doveroso.
Molti si domandano se sia sicuro per le donne viaggiare da sole: io personalmente ho viaggiato assieme ad altre 5 persone tra cui due uomini e non posso quindi sbilanciarmi più di tanto.
Posso però affermare che dovendo percorrere molti km in auto lungo strade infinite circondate dal nulla e visitare luoghi anche decisamente isolati durante il viaggio, forse la presenza di uno o più uomini potrebbe aiutare a sentirsi più al sicuro. Questo però non toglie che ho visto molte donne in viaggio da sole ed erano assolutamente tranquille e beate.

Meglio tour fai-da-te o con guida/tour operator?

L’avventura è bella, bellissima e se siete intraprendenti e pratici nel muovervi potrebbe apparirvi la soluzione migliore. Personalmente, da amante del controllo e dell’organizzazione maniacale, non apprezzo molto l’improvvisazione e cerco di ridurre al minimo la possibilità dell’imprevisto. Se siete come la sottoscritta, il consiglio spassionato che mi sento di darvi è quello di individuare una guida o un buon tour operator (meglio se locali ma con referenze online come TripAdvisor e simili in quanto in caso contrario potreste imbattervi in guide non autorizzate che vogliono solo spillarvi soldi) che vi accompagni durante il viaggio per almeno 5 ragioni:
Risparmierete tempo: eviterete tempi morti nell’aspettare i mezzi e avendo tutto organizzato il vostro tour operator si impegnerà nell’incastrare al meglio le varie mete ottimizzando i tempi.
Mangerete in posti puliti con buon cibo: mentre eravamo in viaggio ci è capitato di avere fame e volerci fermare in determinati bar o ristoranti del posto che però ci sono stati immediatamente sconsigliati dal nostro tour operator in quanto scadenti da un punto di vista della qualità del cibo o delle condizioni igieniche. Probabilmente abbiamo evitato qualche bella intossicazione alimentare!
Visiterete posti nascosti e sconosciuti ai più: nel corso del nostro viaggio abbiamo visto tantissimi luoghi meravigliosi, alcuni dei quali sconosciuti e non presenti sugli itinerari classici del web, questo grazie alla conoscenza approfondita del posto da parte del nostro driver.
Potrete riposarvi tra una meta e l’altra: sembra sciocco, ma visitare il Marocco significa trascorrere ore e ore e ore in macchina. E’ bellissimo ma non è di certo un viaggio rilassante (noi abbiamo fatto quasi 1400 km in 5 giorni!) e avere un driver che ti accompagna ovunque significa potersi riposare e schiacciare qualche pisolino tra un posto e l’altro.
Non vi perderete: nulla da aggiungere.
Avrete informazioni utili in un secondo: dove cambiare soldi? Dove acquistare una determinata cosa? Dove poter andare in bagno? Dove trovare un supermercato? etc.
Certo, sono tutte informazioni reperibili in maniera più o meno semplice, ma averle a disposizione all’istante consente di risparmiare tempo e pazienza!
Non dovrete preoccuparvi di comunicare: non sto consigliando di non dialogare con la gente del posto, al contrario come vi dicevo poco sopra le persone sono molto disponibili e simpatiche! Sto dicendo che al contrario di quanto immaginassi, in pochissimi parlano inglese (solo arabo e francese) per cui alle volte per avere indicazioni tecniche relative all’hotel o altro, abbiamo “usato” il nostro tour operator come intermediario, risolvendo in un baleno ogni questione o problematica.
Risparmierete soldi: in Marocco tutto è contrattazione e vi assilleranno per farvi comprare beni di qualsiasi genere. La nostra guida ci ha aiutato a individuare i negozi più economici, a farci capire alcuni trucchetti sulla contrattazione e il prezzo medio di alcuni prodotti così da non farci “fregare”.
Eviterete anche le multe: in Marocco le strade sono super controllate e spesso si viene fermati dalla polizia locale per dei controlli. Ho sentito di molta gente che ha preso multe per eccesso di velocità anche minimo. Gli autisti locali invece sanno muoversi, stanno nei limiti e sanno dove possono esserci i controlli.
viaggio marocco consigli

Quando andare in Marocco?

Il mio viaggio in Marocco è avvenuto all’inizio di Novembre e abbiamo trovato delle temperature assolutamente ottime!
Caldo di giorno (stavamo in manica corta o canottiera) e più fresco alla sera, ma piacevole. Abbiamo avvertito un po’ di freddo solo nelle tappe sulle catene montuose come i monti Atlas, ma nel tempo restante si stava davvero da Dio.
I periodi dell’anno più indicati per andare in Marocco sono Marzo, Aprile, Settembre, Ottobre e Novembre (meglio se agli inizi in quanto da metà Novembre in poi posso verificarsi molti rovesci).
Sconsigliati invece i mesi di Giugno, Luglio e Agosto, incredibilmente caldi e umidi, oltre che più affollati.

Quanti giorni sono necessari per visitare il Marocco?

Tutto dipende da che tipo di viaggio si vuol fare.
Io sono partita  il 2 Novembre e sono tornata il 7 Novembre e devo dire che 6 giorni sono stati sufficienti per visitare tutta la zona a sud.
Il mio tour è partito da Marrakech spostandoci poi nella catena montuosa delle High Atlas Mountains e arrivando ad Ouarzazate. Successivamente abbiamo attraversato le Gole di Dades e siamo arrivati nel deserto di Merzouga dopo aver fatto tappa in varie città e luoghi caratteristici (Tinghir, Todra Gorges, Tinejdad, Erfoud..).
Abbiamo fatto un’escursione nel deserto del Sahara con i cammelli e siamo rimasti a dormire nel deserto (esperienza indimenticabile!) per poi rimetterci in marcia il giorno dopo di nuovo verso Marrakech, facendo tappe in altre città. Questa è solo uno tra le decine di tour disponibili, tutti personalizzabili.
In genere le alternative più diffuse sono 6, 8 o 12 giorni. In meno tempo onestamente sono poche le tappe che si potrebbero fare.

See Also

Quali sono i documenti fondamentali?

Per entrare in Marocco è necessario che il passaporto sia in corso di validità per almeno 6 mesi.
Per un soggiorno della durata massima di 3 mesi non è necessario il visto.
In ogni caso per avere maggiori informazioni chiamate gli organi competenti o visitate i siti istituzionali di riferimento.

E’ economico viaggiare in Marocco?

Il Marocco è una meta decisamente economica.
La moneta locale è il dirham marocchino e attualmente 1 euro corrisponde a circa 11 dirham.
Molte attrazioni interessanti sono gratuite o hanno un biglietto d’ingresso molto economico che va da uno a 10 euro massimo; anche il cibo e i trasporti sono economici.
Pensate che con circa 30 dirham (€3) mangerete più che bene in un ristorante di categoria media, con 100 dirham (€10) avrete la possibilità di pasteggiare in locali super curati con ottimo cibo!
Oltre al cibo, tutti gli altri servizi sono economici: dai taxi ai bus, dalla benzina all’abbigliamento, dai prodotti cosmetici (ho amato i negozietti pieni di prodotti beauty alla rosa, all’argan, all’aloe!) alle botteghe con spezie e prodotti artigiani.
Per i prelievi bancomat non abbiamo avuto alcun problema.
viaggio marocco consigli

Connessione dati, WiFi e prese elettriche

Non fate affidamento sul WiFi di hotel, riad o locali. Raramente troverete una struttura con una linea stabile e funzionante
Vi consiglio di acquistare una schedina SIM scegliendo la quantità di GB desiderata. Potrete farlo in tantissimi negozietti di elettronica sparsi per le varie città. Io l’ho acquistata appena atterrata a Marrakech e ho pagato 30 dihram la schedina e 10 dihram a GB. In totale per la schedina + 10 GB ho pagato 130 dihram (€13). Utilizzando il cellulare h24 per 6 giorni al termine del viaggio avevo ancora 3GB disponibili, quindi direi che conviene alla grande optare per questa soluzione.
Le spine elettriche presenti sono di tipo C (uguale a quella italiana) e di tipo E.
Consiglio comunque l’acquisto di un adattatore universale per evitare qualsiasi problema.

Come spostarsi in Marocco

Spostarsi in Marocco è semplice in quanto le principali città sono ben collegate fra loro. Ci sono 6 modalità principali con cui muoversi:
Taxi: sono in assoluto il mezzo di trasporto urbano più utilizzato dai turisti, avendo un costo molto basso (ricordatevi di contrattare il prezzo della tratta prima di partire!).
Treno: le stazioni ferroviarie hanno delle buone strutture, i treni sono comodi e poco cari e vi consentono di spostarvi rapidamente.
Pullman: sono più economici di taxi e treni e coprono le strade urbane.
Moto/quad: molti scelgono di girare il Marocco in moto o in quad, esperienza decisamente entusiasmante e adrenalinica. Attenzione però alle strade più tortuose e a viaggiare di notte.
Aereo: se volete visitare città molto distanti l’una dall’altra, un volo interno può farvi risparmiare molto tempo. Trovate ottime offerte di voli diretti da parte di compagnie affidabili come Royal Air Maroc e Air Arabia.
Auto: la macchina (guidata da un driver o noleggiata) è l’opzione più diffusa per muoversi in Marocco e personalmente ci ha regalato un’esperienza divertente e sicura, con la possibilità di fare soste ovunque e godere di paesaggi straordinari.
viaggio marocco consigli
Nel prossimo post vi proporrò un focus più approfondito sulle prime due tappe del mio viaggio: Marrakech e High Atlas Mountains, con tutte le informazioni utili relative a luoghi, hotel e storia del posto!
Spero vi tornino utili 🙂
What's Your Reaction?
Angry
0
Don't like
0
Excited
0
In Love
0
Not Sure
0

© 2020 Live in Beauty Blogzine by Valentina Madonia. All Rights Reserved.

Scroll To Top