giovedì 10 settembre 2015

Christian Dior, Sauvage Fragrance - Preview


Oggi, per la prima volta dopo 10 anni, i profumi Dior creano un nuovo territorio per gli uomini.
Questa composizione, creata da François Demachy, racchiude in sé tutto lo spirito di una Maison profondamente esigente.
Uno choc olfattivo con l'allure di un grande classico.
Una firma olfattiva decisa e originale.
Una composizione straordinariamente fresca.
Virile e consapevole.
Una creazione estrema per un uomo autentico e vero.
Un nome provocante in stile "Dior".
Come un manifesto.
Un profumo che parla chiaro, senza mezzi termini: Sauvage

Sauvage è un profumo estremo, decisamente maschile. Una ventata di aria fresca.
François Demachy, Parfumeur Créateur Dior, l'ha voluto così: nobile e rude al tempo stesso.
Una concentrazione fuori dal comune, un piacere primitivo. Una sovrabbondanza di materie prime di origine naturale. La loro qualità estrema ha portato a una composizione pura.
Una fragranza che parla di grandi spazi, ariosa. Un cielo blu come il mare, un paesaggio minerale reso incandescente dal sole del deserto. Un profumo dalla freschezza persistente, tessuta intorno a una struttura legnosa.
Aromi che mutano prepotentemente e si accordano nella loro diversità.
Sauvage, eccesso di lusso.
François Demachy ha scelto di rivisitare la struttura originale di un Fougère. Ha voluto giocare con la sua evidente mascolinità, donandogli un pizzico di nobiltà. Un Fougère contemporaneo e molto Dior, composto con precisione da ingredienti di estrema qualità.
In partenza, il Bergamotto di Reggio Calabria è come un vento potente e fresco.
Inondato di sole, apre le danze ed esegue qualche stoccata originale, con la sua sfaccettatura speziata e fruttata, leggermente amara. La sua freschezza si spande, domina senza riserve. È proprio il Bergamotto di Reggio Calabria, e non un altro, che François Demachy ha scelto e lavorato a suo piacimento. A lui piace che i suoi profumi maschili si schiudano con una sfaccettatura esperidata.
Il suo Bergamotto, particolarmente ricco, è un "sauvage" che regna sovrano. Un vortice succoso e travolgente.


Mentre il paesaggio sembra invaso da potenti correnti ozoniche, l'Ambroxan® fa il suo ingresso rivelando a poco a poco la nobiltà e la bellezza delle sue note ambrate. Il suo slancio è più lento, meno brillante. Non s'impone subito. Attende che le note esperidate si fissino sulla pelle… Ingrediente di origine naturale estratto dalla preziosissima Ambra Grigia, rivela le sue note marine e animali, al contempo sensuali e rivitalizzanti, come gli spruzzi del mare. Ha il fascino sottile del legno di mare sbiancato al sole. Punta sulla durata e resiste fino alla fine. Come un sottofondo musicale impregnato di tabacco che non svanisce.
Netto e deciso, Sauvage rivela un vortice di note dalle caratteristiche molto marcate.
Emblemi declinati al maschile.
L'Elemi infonde la sua nota balsamica e agrumata. Una resina mescolata all'incenso.
Il Pepe di Sichuan, della migliore qualità al mondo, e le Bacche Rosa liberano vibrazioni speziate.
Il Geranio, incisivo, diffonde un soffio verde e pungente.
Il Vetiver, generoso, si rivela con la sua potenza legnosa.
La Lavanda del Vaucluse e della Drôme evoca un sentiero di gariga, aromatico e soleggiato.
Il Patchouli, estratto tramite una doppia distillazione, crea unità. Libero dagli accenti terrosi e canforati, diventa sontuoso e moderno. È naturalmente legante.
Nasce una profumazione "Sauvage".
Consapevole ed elegante.
"L'odore di un uomo".

Essenziale e sobrio, il flacone ricorda la nobiltà maschile del jus racchiuso al suo interno.
Un flacone in cui codici della Maison sono riconoscibili e chiari.
Un tappo laccato nero plissettato, sormontato dalle iniziali CD.
Una forma pulita, propria dell'universo Dior, ma qui ancor più lussuosa.
Il vetro è pesante, compatto e scuro, come una notte fonda.
Evolve in una gradazione che va da un'opacità totale a una trasparenza fumé.
E’ stato curato ogni dettaglio: un sottile strato d'argento è stato polverizzato sulle pareti del flacone per ottenere un delicato effetto specchio, brillante e trasparente al tempo stesso.
Sul fondo, la goccia di vetro sboccia in un "sorriso" sospeso.
Le iniziali CD sono incise sul fondo, mentre un'ape si nasconde all'interno del tappo con calamita.
Un flacone che deve la sua preziosità ad anni di messa a punto e sfide tecniche.

Nessun commento

Posta un commento